Diciotti, Ue sorda e governo italiano inadeguato

Diciotti, Ue sorda e governo italiano inadeguato

Il cinismo dell’Unione Europea non viene scalfito neppure dal dramma della nave Diciotti e dei suoi 177 migranti a bordo.

Ma se da un lato c’è la sordità della UE e dei singoli Paesi europei di fronte al grido d’aiuto dei migranti e all’obbligo di solidarietà verso l’Italia che si trova in prima linea nella difficile partita del Mediterraneo, dall’altro c’è un governo Lega – MoVimento 5 Stelle che ha cercato di far passare per vittoria italiana gli ultimi vertici UE mentre nulla è stato ottenuto di quanto l’Italia giustamente chiedeva: riforma dei Trattati di Dublino ed equa distribuzione dei richiedenti asilo.

A riprova che la politica estera non è fatta per i dilettanti, e che ci vuole ben altro che un’abile comunicazione social per convincere i nostri partner europei che su questi temi è in gioco la credibilità e il futuro dell’Unione.

Un’Europa sorda e un governo inadeguato non potevano che produrre il tragico stallo di questi giorni.