Caso Siri: il Governo in mano alle procure

Caso Siri: il Governo in mano alle procure

La revoca del sottosegretario Siri sposta sempre più l’asse della maggioranza verso il massimalismo giacobino: non è un atto di giustizia ma di giustizialismo, che mette d’ora in poi il governo nelle mani delle Procure, perché con questo precedente basterà un avviso di garanzia per far saltare un ministro.

Si preannuncia dunque una giostra infernale, una roulette russa. Auguri soprattutto agli amici della Lega, che hanno incassato quest’altro schiaffo senza reagire, ma forse dovrebbero chiedersi chi sarà il prossimo a saltare dal balcone di Palazzo Chigi.