Dopo una settimana intensa e bellissima di campagna elettorale oggi mi fermo nella mia Bologna

Quella appena trascorsa è stata una settimana intensa e bellissima. 1.200 km percorsi da Piacenza a Rimini per incontrare gli emiliano romagnoli, gli amministratori e gli amici che, come noi, sono sempre più convinti che questa sia la volta giusta.

E’ chiaro ed innegabile che le politiche fatte sinora in Italia e in Emilia Romagna non hanno saputo capire il, né rispondere al, cuore profondo di questo Paese. A Modena, Ferrara, Forlì, Ravenna e poi a Reggio Emilia, Piacenza, Parma, Rimini, Cesena così come a Bologna i bisogni e le domande delle persone e delle imprese sono chiarissimi e la retorica burocratica e buonista di sinistra non convince più.

Chi non ha il coraggio della sua storia e vive un eterno presente non può avere un futuro. Noi abbiamo l’orgoglio della nostra storia, non abbiamo mai perso il senso dei nostri valori così come la volontà di strappare anche l’Emilia Romagna ad un governo costoso ed obsoleto che propone soluzioni sbagliate. Solo un tema tra tutti emerso in maniera dirompente in questi giorni: uno Stato che si dimostra incapace di difendere i suoi cittadini viola il suo primo dovere nei confronti della comunità ed apre il varco alla paura ed alla tensione sociale.

Inutile strillare e balbettare cercando giustificazioni: bisogna proporre le ricette giuste per riportare serenità ed opportunità soprattutto per chi non ha i mezzi per difendersi.

Insieme ai candidati dei nostri territori abbiamo ancora tanti appuntamenti per incontrarci e confermare che Forza Italia è l’unico voto utile perché Forza Italia è l’unica scelta garantita da un programma condiviso con tutta la coalizione di centrodestra che saprà dare le risposte che l’Italia aspetta e merita.

Oggi mi fermo a Bologna, la mia città la domenica mattina mantiene i suoi riti che sanno di “casa”. Il caffè con gli amici e poi a pranzo con la mia famiglia.

Auguro a tutti una buona domenica