Caso Siri: Cinque Stelle hanno fretta, Conte no

I Cinque Stelle hanno fretta di cacciare Siri dal governo perché sostengono che il garantismo non può essere un paracadute per tenersi stretta la poltrona.

Per il ministro Lezzi si è già perso troppo tempo, ma non si capisce perché, a fronte di tanta veemenza, Conte continua, con la scusa dei suoi impegni istituzionali, a rinviare il faccia a faccia col sottosegretario. E si capisce ancora meno perché la Lega subisca un crescendo di insulti e di accuse da un alleato che sta diventando il suo più implacabile avversario. E’ uno spettacolo intollerabile: la sorte di un sottosegretario non può paralizzare un governo e un Paese.